Programma odontoiatria pubblica Regione FVG

| 12 dicembre 2019

È un’offerta di servizi per la prevenzione ed il trattamento delle patologie di competenza odontoiatrica. Attraverso i programmi di tutela della salute odontoiatrica nell’età evolutiva e nell’età adulta viene garantito l’accesso alle cure odontoiatriche alle persone in condizioni di vulnerabilità sociale e/o sanitaria e ai bambini da 0 a 16 anni.

La rete odontoiatrica regionale garantisce la tutela della salute attraverso i programmi di prevenzione a favore della popolazione in età evolutiva per il monitoraggio della carie, delle malattie parodontali e delle malocclusioni, attraverso ambulatori dedicati per la diagnosi precoce delle neoplasie del cavo orale e per la riabilitazione protesica dei pazienti edentuli. Viene garantita anche la gestione delle urgenze odontostomatologiche con la presenza di un pronto soccorso odontoiatrico in ciascuna Azienda per l’Assistenza Sanitaria / Azienda Sanitaria Universitaria Integrata regionale (AAS/ASUI).

pazienti in condizione di vulnerabilità sanitaria e sociale o in età evolutiva possono accedere a visite e prestazioni odontoiatriche dedicate. Le prestazioni aggiuntive (extra LEA) vengono erogate per i cittadini residenti della regione Friuli Venezia Giulia.

COME SI ACCEDE

La prenotazione di visite e di prestazioni odontoiatriche deve essere fatta direttamente attraverso i Centri Unici di Prenotazione (CUP) regionali (0434 223522: numero telefonico unico per la prenotazione di prestazioni sanitarie ambulatoriali e per informazioni sanitarie e sociali – il numero 848 448 884 è comunque attivo), i CUP aziendali e le farmacie abilitate.
Le visite e le prestazioni odontoiatriche prenotate saranno erogate presso gli ambulatori odontoiatrici del Servizio Sanitario Regionale.
Per prenotare una visita odontoiatrica non prioritaria, NON servono prescrizioni del pediatra di libera scelta o del medico di medicina generale. L’accesso al Pronto soccorso odontoiatrico per le urgenze è diretto.

Per approfondire la notizia clicca qui (FONTE).

Category: Curiosità, Senza categoria