I pannelli solari ispirati agli origami per produrre energia… dalle finestre!

| 22 febbraio 2019

Immaginate di poter produrre energia elettrica grazie al sole senza installare ingombranti pannelli fotovoltaici sul tetto o in giardino. Bastano delle semplici tapparelle, in cui sono installati dei minuscoli sistemi ispirati agli origami.

Si chiamano Solgami e senza schermare la luce che entra dalle finestra promettono di produrre buona parte dell’energia necessaria al fabbisogno di una famiglia. A lavorare sul progetto è lo studio di design australiano Prevalent, che attualmente sta lavorando con un produttore giapponese sul prototipo.

Non è una novità assoluta. Esistono già finestre in grado di produrre energia. L’unico limite di quelle già esistenti è che esse finiscono per schermare circa il 50% della luce che entra nell’abitazione.

Simile a una tapparella, il sistema si basa sulle feritoie che a volte vengono utilizzate negli uffici per riflettere più luce naturale all’interno. A differenza di un tipico pannello fotovoltaico su un tetto, che riflette verso il cielo la maggior parte della luce che lo colpisce, la forma ripiegata di Solgami fa sì che la luce possa letteralmente rimbalzare tra più strati generando maggiore energia. La forma piegata offre anche più superficie. Di fatto la luce viene fatta rimbalzare più volte tra i pannelli solari collocati in un “tunnel di luce pieghevole” per aumentarne l’efficienza, e al tempo stesso entra anche negli appartamenti illuminandoli naturalmente.

Quanta energia produce Solgami? Secondo la società di design, un edificio fatto di uffici con pareti in vetro dotate del dispositivo potrebbero essere del tutto autosufficiente. Per gli appartamenti vista la minore presenza di finestre, anche se non viene soddisfatto tutto il fabbisogno di una famiglia, può generarne una grande quantità. Inoltre, quella in esubero può essere immessa in rete.

Il progetto Solgami è uno dei finalisti del Lexus Design Award 2019. Oltre a ricevere un premio di $ 25.000 per sviluppare la propria idea, il team è in attesa di brevettare questa innovativa soluzione.

Per saperne di più clicca qui (FONTE)

Category: Curiosità, Ecologia