Erasmus+: 3 miliardi di euro per i giovani europei e la creazione delle Università europee

| 25 ottobre 2018

Per il 2019 i fondi destinati a Erasmus+ dovrebbero aumentare di 300 milioni di euro, ossia del 10% rispetto al 2018.

La Commissione ha pubblicato ieri il suo invito a presentare proposte del 2019 per il programma Erasmus+ . Nell’ambito dell’invito, qualsiasi organismo, pubblico o privato, attivo nei settori dell’istruzione, della formazione, della gioventù e dello sport può richiedere finanziamenti. Possono inoltre fare domanda i gruppi di giovani attivi nell’ambito dell’animazione socioeducativa, anche se non costituiscono un’organizzazione giovanile. Oltre all’invito a presentare proposte, la Commissione ha pubblicato anche la guida del programma Erasmus+ in tutte le lingue ufficiali dell’UE. La guida contiene informazioni dettagliate su tutte le opportunità per studenti, personale, tirocinanti, insegnanti e altre categorie disponibili nell’ambito di Erasmus+ per il 2019.

Dei 3 miliardi di euro di bilancio previsti per il prossimo anno, 30 milioni sono stati stanziati per le Università europee. Si tratta di una nuova iniziativa approvata dai leader dell’Unione europea in occasione del vertice sociale di Göteborg dello scorso novembre, che si inserisce tra gli sforzi per stabilire uno spazio europeo dell’istruzione entro il 2025. La Commissione intende avviare un programma pilota a sostegno di sei alleanze tra università europee, ciascuna composta di un minimo di 3 istituti di istruzione superiore di 3 paesi, al fine di promuovere un’identità europea rafforzata, potenziando nel contempo l’eccellenza e contribuendo a rendere più competitivi gli istituti di istruzione superiore europei. I richiedenti devono presentare la loro domanda di sovvenzione all’Agenzia esecutiva per l’istruzione, gli audiovisivi e la cultura entro il 28 febbraio 2019 per le alleanze che hanno inizio tra il 1º settembre e il 1º dicembre dello stesso anno. Una seconda fase pilota dovrebbe seguire il prossimo anno, mentre la piena attuazione dell’iniziativa è prevista nell’ambito del prossimo bilancio UE a lungo termine a partire dal 2021. L’obiettivo è quello di costituire una ventina di Università europee entro il 2024.

Per ulteriori informazioni: http://europa.eu/rapid/press-release_IP-18-6170_it.htm

 

FONTE: Eurodesk

Category: Mobilità, News, Novità dall'UE