Tutti gli eventi della Giornata Fai d’autunno in FVG

| 8 ottobre 2018

Sabato 13 e domenica 14 ottobre i volontari del Fondo per l’ambiente italiano (Fai) organizzeranno in 185 città la Giornata Fai d’autunno. Un’occasione per scoprire le bellezze urbane del nostro Paese attraverso numerosi itinerari tematici per accedere ai quali verrà chiesto ai visitatori solo un contributo facoltativo che sarà destinato al sostegno delle attività istituzionali del Fai.

Per quanto riguarda il Friuli Venezia Giulia, il programma è vario e ricco di proposte con 28 visite straordinarie in 7 località: Cormons, Gemona del Friuli, Montereale Valcellina, Ovaro, Povoletto, Spilimbergo e Trieste. Si tratta di luoghi che rappresentano vari aspetti della regione, dall’arte all’industria, dalla vita sociale al paesaggio, resi fruibili grazie all’impegno e alla disponibilità dei volontari del Fai, che saranno aiutati dagli Apprendisti Ciceroni, studenti appositamente formati che offriranno ai partecipanti spiegazioni sui luoghi visitati.

A Trieste, le aperture, data la concomitanza con la Barcolana, seguiranno il percorso “Trieste e il Mare” e riguarderanno 2 siti: l’ex Palazzo del Lloyd Triestino, ora sede della Regione autonoma Friuli Venezia Giulia in piazza Unità d’Italia (sabato 13 e domenica 14 ottobre, orario: 10-17 con ultimo ingresso alle 16.30) e il Faro della Vittoria (sabato 13 e domenica 14 ottobre, orario: 9.30-17.30 con ultimo ingresso alle 17). All’ex Palazzo del Lloyd Triestino saranno possibili anche visite in inglese e sloveno sia sabato sia domenica dalle 10 alle 12, su prenotazione via mail a trieste@faigiovani.fondoambiente.it.

Nell’Isontino le aperture si concentreranno a Cormons, lungo il percorso “Echi dal Medioevo: Cormons e le Cente”, che intende raccontare lo sviluppo della Cormons medievale, con la nascita delle Cente e l’insediamento, per un breve periodo, della sede del Patriarca d’Aquileia.

L’itinerario collegherà 6 luoghi: la Centa di San Lorenzo; la Centa di Sant’Adalberto e Casa Neuhaus; il Castello di Cormons; la Centa e la Chiesa di San Giorgio; la Centa di Santa Maria-Sant’Apollonia; la Centa di San Giovanni. Le aperture sono previste solo per domenica 14 ottobre, dalle 10 alle 18 (per l’orario di ultimo ingresso si rimanda all’allegato con i dettagli delle singole aperture), tranne che per la Centa di San Giorgio, che prevede 3 visite con partenza dalla chiesa di San Lorenzo alle 11, 14 e 16.

Nel Pordenonese le aperture si svolgeranno a Montereale Valcellina e Spilimbergo. Nella prima località le aperture sono connesse dall’itinerario “Passeggiata a Montereale, la porta della Valcellina”, un viaggio nella storia e nell’arte del capoluogo pedemontano. I visitatori potranno apprezzare 6 siti: la centrale idroelettrica A. Pitter; il Castello di Montereale; l’Antica Pieve di S. Maria, oggi Chiesa di S. Rocco; l’Oratorio di S. Floriano; la Diga di Ravedis; Villa Cigolotti (per la prima volta accessibile al pubblico).

I beni saranno aperti domenica 14 ottobre dalle 10 alle 17, con ultimo ingresso alle 16.30, tranne la Diga di Ravedis, disponibile dalle 10 alle 12 a numero chiuso e su prenotazione (pordenone@faigiovani.fondoambiente.it) e Villa Cigolotti, per cui sono previste solo due visite alle 10 e alle 15, per i soli soci Fai e su prenotazione.

A Spilimbergo verranno aperti 3 beni: l’Edicola della Madonna con Bambino, la Chiesa di San Marco di Gaio e Villa Andervolti Marzotto. I luoghi saranno visitabili sabato 13 e domenica 14, con orario 9.30-12.30 e 14-18 (ultimo accesso alle 17.30) e vi sarà la possibilità di fruire di spiegazioni in lingua tedesca e inglese.

In provincia di Udine le aperture si svolgeranno a Gemona del Friuli, a Povoletto e a Tolmezzo. A Gemona del Friuli si svolgerà l’itinerario “Sulle tracce della Grande Guerra” che focalizzerà l’attenzione sul Forte di Monte Ercole per ricordare il centenario della Prima Guerra Mondiale.

Le visite avranno luogo domenica 14 con orario 10-13 e 14-17.

Inoltre, verrà riaperta anche la Chiesetta di Ognissanti, situata nella borgata di Ospedaletto, con visite alle 11, 12, 14 e 15. A Ovaro verranno aperte le porte di cinque tra i più straordinari beni storico- artistico e culturali della zona: la Casa dalle Cento Finestre, la Chiesa di San Martino, la Pieve di Gorto, il Museo della Pieve di Gorto e la Domus Carnica Casa Lupieri.

Tutti i siti saranno aperti, con ingresso libero e gratuito, sabato 13 ottobre dalle 10 alle 13 e dalle 14 alle 17. Saranno disponibili anche visite guidate in inglese e tedesco a Palazzo Micoli-Toscano e in tedesco al Museo della Pieve di Gorto. A Povoletto sarà proposto l’itinerario “Appena fuori città…” alla scoperta di 3 beni, siti in tre frazioni: la Chiesa di San Nicolò, a Primulacco; la Chiesa di San Pietro, a Magredis; la Domus Magna dei Partistagno, a Belvedere di Torre. I siti saranno aperti domenica 14, dalle 10 alle 17.30, con orario continuato.

La Giornata Fai d’autunno è aperta a tutti ma un trattamento di favore viene riservato agli iscritti Fai, con l’apertura esclusiva a Montereale Valcellina di Villa Cigolotti, la quale sarà visitabile solo alle 10 e alle 15 di domenica 14 ottobre.

Sono inoltre previsti alcuni eventi speciali. Giovedì 11 ottobre alle 18.30 a Cormons alla sala civica di palazzo Locatelli si terrà l’incontro “Le Cente di Cormons. Genesi, storia ed evoluzione degli insediamenti fortificati, lungo una strada romana”.

La conferenza illustrerà alcuni aspetti culturali del territorio di Cormons visti in un’ottica multidisciplinare. Sabato 13 ottobre, dalle 9 alle 13 a Udine, a Palazzo Garzolini di Toppo Wasserman, ci sarà il convegno “Risorsa Acqua. Studi, progetti e realizzazioni”. L’acqua sarà il filo conduttore dell’evento, rientrando tra le iniziative promosse dalla campagna nazionale Fai #salvalacqua.

Domenica 14 ottobre, a Montereale Valcellina alle 9.30 gli allievi della Scuola di musica Fadiesis di Pordenone si esibiranno in un concerto di fisarmoniche, su musiche di J. Brahms, W. A. Mozart, D. Scarlatti. Alle 11.30, nella sala rossa della Centrale di Malnisio, si terrà la presentazione del libro L’ingegner Antonio Pitter-La sua vita, la sua famiglia, l’ambiente in cui è vissuto. Alle 18 è previsto il concerto della Corale Polifonica di Montereale Valcellina nella suggestiva scenografia della Pieve di San Rocco: una quarantina di cantori, diretti dal Maestro Maurizio Baldin e accompagnati da musicisti dal vivo, si esibiranno in un Requiem di Pavel Kudelasek, uno dei massimi esponenti della musica classica della Repubblica Ceca.

Gli eventi sono gratuiti e aperti a tutti, fino a esaurimento posti. Domenica 14 ottobre alle 15, in piazza a Cormons, si terrà lo spettacolo di danza realizzato dal gruppo American Tribal Style-Gruppo Moonflower Tribe Bellydance a cura di Patrizia Pin.

Per il programma completo e la localizzazione delle aperture consultare il sito www.giornatefai.it o telefonare al numero 02-467615366.

 

FONTE

Category: Eventi, Italia