La zona Schengen, cioè quella in cui si può viaggiare senza passaporto, comprende oggi 26 stati. Ecco quali sono le prospettive per il futuro

La libertà di circolazione, cioè vivere, studiare, lavorare e andare in pensione ovunque nell’UE è uno dei vantaggi più evidenti dell’Unione europea. Stabilendo l’area Schengen, nel 1995, i paesi che partecipano hanno abolito anche i controlli nelle frontiere interne dell’Unione.

Ogni anno 1,25 miliardi di viaggi vengono effettuati all’interno dell’area Schengen.

 

Quasi tutti i paesi membri dell’UE sono anche membri della zona Schengen. L’Irlanda e il Regno Unito hanno optato per restarne fuori e hanno la loro propria area di libera circolazione. Bulgaria, Croazia, Cipro e Romania devono entrare a far parte di Schengen in quanto membri dell’UE.

La zona Schengen comprende anche quattro stati non membri dell’Unione: Islanda, Norvegia, Svizzera e Liechtenstein.

Continua a leggere la notizia qui!