Il futuro è oggi 2018: ciclo di tre incontri a Pordenone

| 13 febbraio 2018

Il futuro fuori dalle facili rassicurazioni: per guardare in profondità e leggere fra le righe dei tempi che verranno. E’ il leitmotiv della 3^ edizione de “Il futuro è oggi”, il ciclo di incontri promosso dal Gruppo Cgn con la Fondazione Pordenonelegge.it, a cura degli scrittori Gian Mario Villalta e Alberto Garlini, al via mercoledì 14 febbraio con tre appuntamenti che ci accompagneranno in un’indagine sui temi più intriganti del nostro tempo, in rapporto agli anni che ci aspettano. Edoardo Boncinelli, Chiara Mio e Giuseppe O. Longo ci traghetteranno in questo percorso attraverso i “meeting” del futuro, quelli a cura degli Esploratori Culturali del Gruppo CGN, un team liberamente costituito di collaboratori amanti della cultura in tutte le sue sfaccettature, un vero e proprio reparto di Ricerca e Sviluppo Culturale che ha l’obiettivo di assorbire e riversare in azienda quanto di più interessante avviene nel panorama culturale, a beneficio della creatività e della crescita personale di tutti i colleghi. I tre incontri sono in programma alle 18.15 nella Sede Oceano del Gruppo CGN (via Linussio 1/B, Pordenone) e si apriranno mercoledì prossimo con un interrogativo dalle mille implicazioni: “Vivremo più a lungo. Servoassistiti?”. Edoardo Boncinelli, scienziato di fama mondiale, affronterà il tema della longevità e del rapporto tra aumento della conoscenza – e conseguente sviluppo di tecnologie – in campo biologico e limiti della coscienza e dell’esistenza umana.

Martedì 20 marzo in vetrina salirà “Il nordest: prospettive di ripresa tra innovazione tecnologica e mutamenti sociali”. Chiara Mio, economista e presidente di Friuladria-Crédit Agricole, analizzerà le reali condizioni attuali della ripresa economica nell’area del nord-est, considerando se questo sviluppo abbia prospettiva di lungo termine o se invece per il futuro siano necessarie innovazioni tecnologiche e mutamenti nella considerazione sociale dell’attività imprenditoriale e lavorativa non ancora attivi.

E lunedì 16 aprile, gran finale nel segno dei “Paesaggi del post-umano”, con visioni di futuro precorse dalla migliore fantascienza. Intelligenza artificiale, cibernetica, algoritmi, automazione: le nostre vite appaiono sempre più spesso guidate da entità a cui si connette una intelligenza senza però il requisito della consapevolezza, mettendo in discussione i paradigmi dell’umanesimo e della centralità dell’uomo. Giuseppe O. Longo ci accompagnerà in un viaggio nelle zone di confine fra ciò che conosciamo, e ciò che presto conosceremo.

 

FONTE

Category: News