Assunzioni pubblico impiego: concorso per giovani

| 21 settembre 2017

In arrivo nuove assunzioni nel Pubblico impiego per i giovani. Entro i prossimi 4 anni potrebbe essere bandito un maxi concorso per la copertura di migliaia di posti di lavoronella Pubblica Amministrazione.

Il Governo, infatti, sta valutando la possibilità di adottare questa soluzione per sostituire ben 500mila dipendenti pubblici che andranno in pensione nel prossimo quadriennio. Si tratta di una opportunità anche per favorire il ricambio generazionale nella PA, pertanto l’idea è quella di puntare sull’occupazione giovanile.

Ecco cosa sapere sulle assunzioni in arrivo e sul nuovo concorso Pubblica Amministrazione.

La notizia è stata riportata da diversi organi di informazione, attraverso recenti articoli relativi al progetto del nuovo concorso Pubblico impiego al vaglio del Governo. Entro qualche anno potrebbe essere avviata, infatti, una maxi campagna di recruiting per numerose assunzioni di dipendenti pubblici. Questi ultimi potranno lavorare nella Pubblica Amministrazione e permetteranno di sopperire alle migliaia di uscite di personale previste per i prossimi 4 anni, a causa dei pensionamenti.

E’ quanto emerge da quanto dichiarato dal sottosegretario al Ministero della Semplificazione e Pubblica amministrazione, Angelo Rughetti, in occasione di un intervento nel corso della Festa dell’Unità a Roma. Sembra che saranno ben 500mila i lavoratori della PA che lasceranno il posto di lavoro in 4 anni perchè pensionati. Per questo si sta pensando di anticipare queste uscite pubblicando un nuovo bando per assumere personale, e di utilizzare questa occasione per far entrare i giovani nel Pubblico impiego.

 

IL PROGRAMMA ASSUNZIONALE

Per sostituire i dipendenti che andranno in pensione entro il 2020 occorrerà analizzare il fabbisogno di personale delle amministrazioni, per individuare quali sono i profili professionali che dovranno essere assunti. L’operazione non sarà semplice, considerando che il numero dei pensionandi ammonta a mezzo milione, a fronte di circa 3,3 milioni di dipendenti pubblici in totale, ma consentirà di programmare con precisione le risorse da assumere e la spesa da sostenere.

Tenendo conto che l’età media dei lavoratori attualmente impiegati nella PA è di 50 anni, entro il 2020 gli over 60 costituiranno circa 1/3 del personale. Il concorso PA permetterebbe, dunque, anche un ricambio generazionale, dando spazio ai giovani e permettendo alle amministrazioni di inserire nuove leve. A renderlo possibile sarà il Decreto Legislativo del Ministro Marianna Madia, recante modifiche e integrazioni al Testo Unico del Pubblico impiego, che eliminerà il criterio del turnover, introducendo quello della sostenibilità finanziaria per le assunzioni, dunque privilegiando le entrate di personale rispetto al ricambio tra entrate e uscite.

Il nuovo piano di reclutamento segue quello annunciato lo scorso giugno, in seguito alla pubblicazione del Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 4 aprile 2017, che autorizza ben 2mila assunzioni nella Pubblica Amministrazione. Queste ultime, che serviranno a coprire posti di lavoro nella Presidenza del Consiglio dei Ministri e presso vari Ministeri e altre amministrazioni, saranno effettuate mediante scorrimento di graduatorie già esistenti, procedure di mobilità e anche nuovi concorsi.

 

FONTE

Category: Italia, Lavoro