Movin’Up, programma per la mobilità dei giovani artisti nel mondo

| 24 febbraio 2017

Anche quest’anno tutto è pronto per la seconda sessione delle candidature di Movin’Up, il programma di sostegno che ha il fine di promuovere la mobilità dei giovani artisti italiani nel mondo, giunto alla sua 18° edizione. Il bando lanciato dal Gai, Giovani Artisti Italiani, in collaborazione con la Direzione Generale Arte e Architettura contemporanee e Periferie urbane – Direzione Generale Spettacolo del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, prevede un fondo annuale nell’ambito del progetto DE.MO. a sostegno del nuovo design per art shop e bookshop e per la mobilità internazionale degli artisti.

La finalità del programma è quella di promuovere il lavoro degli artisti italiani offrendo loro buone occasioni di visibilità all’estero. Si mira a supportare i progetti più innovativi, favorendo la partecipazione a programmi di formazione, stage e workshop che si svolgono in ambito internazionale. Movin’Up dà un’importante occasione per la crescita professionale e artistica dei giovani.

A chi si rivolge?

Il bando è aperto ai giovani creativi tra i 18 e i 35 anni di età ammessi o invitati all’estero in via ufficiale da enti pubblici o privati a concorsi, da istituzioni culturali, per attività anche di stage e seminari o che abbiano in progetto produzioni o coproduzioni artistiche da svolgersi presso centri esteri.

Per partecipare occorre lavorare nei seguenti settori: arti visive, architettura, design, grafica,  musica,  cinema,  video,  teatro,  danza,  performance,  scrittura.

Gli artisti potranno aderire al bando richiedendo un contributo parziale che servirà a coprire le spese di viaggio e/o di soggiorno /o di produzione all’estero.

Spetterà ad una commissione nazionale di esperti appositamente costituita vagliare le domande degli aventi diritto e poi stilare una graduatoria sulla cui base sarà assegnato a ciascun vincitore una determinata entità di contributo economico.

Per essere ammissibili, le domande devono contemplare attività il cui inizio è compreso nel periodo tra il 1° gennaio e il 30 giugno 2017. Per i progetti avviati in tempi antecedenti, si considereranno unicamente le spese e le attività realizzate a partire dal 1° gennaio. Si possono candidare anche progetti che, rientrando nel suddetto intervallo alla scadenza del bando, risultino già conclusi.

I risultati saranno notificati a fine marzo quando saranno concluse le procedure di verbalizzazione.

Il budget totale per l’assegnazione dei finanziamenti è di 30 mila euro.

Per partecipare c’è tempo fino al 1 marzo 2017.

Per prendere visione del bando e inviare la tua candidatura vai sul sito.

 

FONTE

Category: Estero, Mobilità